Birdwatching: cos’è? Perché farlo? Come iniziare? Dove andare?

birdwatching

Se ami la natura e passare del tempo in mezzo a boschi, prati e montagne, in riva a laghi incontaminati e spiagge selvagge, amerai il birdwatching.

Forse ne hai già sentito parlare o forse è la prima volta che senti questo termine, ti spiegherò brevemente in questo articolo cos’è il birdwatching e quali sono i vantaggi di praticare questo affascinante e divertente hobby, cosa ti serve per iniziare e dove andare.

Birdwatching:

Birdwatching: cos’è?

Il birdwatching, come suggerisce il nome stesso (bird + watching. = osservare gli uccelli), consiste nell’osservazione dell’avifauna all’interno dell’habitat naturale. Il birdwatcher è colui che, durante un’escursione o una passeggiata in un parco, osserva gli uccelli, cerca di riconoscerne la specie, ne ammira i comportamenti, studia le abitudini e ascolta i loro canti.

Birdwatching: perché farlo?

Perché fare birdwatching? La prima risposta che mi viene in mente è banale ma verissima: perché è stupendo.

È stupendo entrare, anche se da osservatori esterni e per pochissimi instanti, nella vita quotidiana di un animale nel suo habitat naturale, cacciare con gli occhi più specie possibili per sfidare se stessi ed entrare ancora più in contatto con la natura selvaggia.

La seconda risposta è: è terapeutico.

Dopo una settimana di lavoro, impegni, traffico e caos cittadino niente ricarica di più di un’uscita in mezzo alla natura, un’escursione o un trekking, e se queste attività sono contornate da un po’ di birdwatching tutto diventa più eccitante e anche i pensieri, le preoccupazioni, le ansie e lo stress svaniscono per lasciare spazio nella testa e nel cuore all’ammirazione per la natura, concentrando l’attenzione sul riconoscere e scovare le specie senza pensare a nulla.

La terza risposta è: è istruttivo.

Stare in mezzo alla natura ad osservare gli uccelli o gli animali in generale, studiarne le abitudine e i comportamenti, imparare a riconoscere le livree e i versi, scoprire le stagioni di avvistamento di una determinata specie o le abitudini alimentari è come partecipare ad un corso di biologia 🙂

Inoltre, quando si passa molto tempo nella natura, si sviluppa una certa coscienza ecologica che ci fa capire ancora di più perché dobbiamo stare attenti ai nostri comportamenti e perché dobbiamo proteggere la Terra e tutte le sue creature.

In più, per i bambini è un’attività educativa fantastica: passeggiare tra gli alberi o in riva al lago, osservare la natura ed imparare divertendosi.

Birdwatching: come iniziare?

Per iniziare non ti servono attrezzature costose, viaggi dall’altra parte del mondo o una preparazione atletica per affrontare sentieri estremi: quello di cui avrai bisogno è di un semplice binocolo – ne trovi in commercio a veramente pochi euro! – .

Prima di avventurarti scopri di più sul luogo dove andrai, ti basterà una ricerca su internet per scoprire specie autoctone, migratorie e periodi migliori per osservarle.

Birdwatching: dove andare?

Puoi iniziare anche dal giardino di casa tua o da un parco cittadino, spesso ci sono molte più specie di quello che si immagina!

Se vuoi vedere specie meno urbanizzate basta spostarsi di poco, un lago, in riva al mare, lungo un fiume o nel bosco. I parchi e le oasi protette sono moltissime ed ogni regione ne conta di diverse, con sentieri di tutte le difficoltà e non è raro trovare sentieri facili e brevi adatti a tutti.

Se abiti nel Lazio abbiamo scritto un articolo dedicato dedicato a 3 luoghi magnifici dove andare per un po’ di caccia fotografica o birdwatching! Lo puoi leggere qui: 3 luoghi magnifici per la fotografia naturalistica nel Lazio

Sei mai uscito per fare birdwatching? Ti piace? Faccelo sapere! 🙂


Se questo articolo ti è stato utile puoi condividerlo con i tuoi amici!

Seguici su Instagram: @emwildlifephoto

Vuoi parlare con noi? Scrivici da questo form, saremo felici di parlare con te!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *